Arrampicarsi nelle Dolomiti

Grande Fermeda - 2873m

Spigolo sud-est

  • Difficoltà: III e IV
  • Dislivello: 500 m
  • Sviluppo: 615 m + 80 m dalla forcella (targa) alla cima
  • Tiri: 19 + 100 m di zoccolo d’erba e 80 m dalla forcella (targa) alla cima "a corda corta" con brevi tratti in sicurezza
  • Ore: 4-5
  • Roccia: la parte bassa con erba gradinata, poi buona/ottima

Carattere:
Lunga arrampicata con grande impegno di individuazione. Nella prima parte, splendido giardino botanico, si punta ad una evidente grotta nera posta sullo sperone verso lo spigolo, ben visibile dall’attacco.

Approccio:
Prendere l’ovovia del Col Raiser, 2107m, situata tra Santa Cristina e Selva, seguire le indicazioni per Sas Rigais, superati due crocevia, il sentiero passa sotto la torretta Piera Longia. Proseguire sul lato destro della gola tra Grande Fermeda e Odla de Cisles. Entrare nel Canale e poco dopo sulla sinistra individuare un sentierino poco evidente, che per pendii erbosi porta all’attacco. Ore 1.15

Discesa:
Lo stesso itinerario di salita con tre doppie. Ore 2.30 – 3 + 1 al Rif. Col Raiser. In alternativa con 13 doppie atrezzate sulla parete nord-est verso la gola orientale della Grande Fermeda. Dalla cima riprendere la via normale fino alla forcella, e a tre metri dalla stessa sulla parete nord-est iniziano le calate: 1. 20 m, 2. 25 m, quindi attraversare un canale a sinistra; 3. 18 m, 4. 20 m, 5. 15 m, 6. 20 m, 7. 25 m, 8. 25 m, 9. 25 m. Al grande ripiano scendere nel canalone che piega verso destra. Sempre nel canale a destra in un enorme blocco: 10. 10 m, 11. 20 m. Seguire la diramazione di destra: 12. 15 m, poi sul lato sinistro verso una parete con licheni marroni: 13. 25 m. Ore 2- 2.30 + 1 al Rif. Col Raiser.

Punta delle Cinque Dita - 2996m

Forcella del pollice, traversata

  • Difficoltà: III - IV
  • Dislivello: 210 m
  • Sviluppo: 310 m + 60 m alla vetta
  • Tiri: 11
  • Ore: 3
  • Roccia: ottima

Carattere:
Itinerario suggestivo

Approccio:
Dal Passo Sella, 2176 m (localitá Rif. Passo Sella), con le telecabine, alla Forcella del Sassolungo, Rif. Toni Demetz, 2685 m. Scendere per sentiero sotto l’impianto di risalita e raggiunta la base delle Cinque Dita traversare a destra. Sempre per sentiero e poi per ripido e faticoso canalone, alla Forcella delle Cinque Dita. Ore 1.

Discesa:
Lo stesso itinerario di salita con 10 doppie. Ore 2.

Sassolungo (cima principale) - 3181m

Via normale per la cengia dei "Fassani"

  • Difficoltà: III, due passaggi di III+
  • Dislivello: 500 m
  • Sviluppo: 1500 m ca.
  • Tiri: arrampicata prevalentemente "a corda corta" con dei tiri di corda nei tratti piú ripidi
  • Ore: 4-5
  • Roccia: ottima

Carattere:
Uno dei tremila piú difficili delle Dolomiti. Itinerario labirintico e vario, di grande soddisfazione. Non sempre semplice l’individuazione del percorso.

Approccio:
Dal Passo Sella, 2176 m (Rif. Passo Sella), con le telecabine alla Forcella del Sassolungo (Rif. Toni Demetz). Per sentiero nr. 525 scendere verso il Rif. Vicenza e dopo ca. 100 m di dislivello sulla destra verso l’evidente cengia dei “Fassani”, la quale ci indica la direzione all’attacco. Ore 0,15.

Discesa:
Lo stesso itinerario di salita con una doppia alla Torre Gialla e altre facoltative. Ore 3-4.

I. Torre del Sella - 2533m

Via normale

  • Difficoltà: II, tre metri di III
  • Dislivello: 150 m
  • Sviluppo: 280 m ca.
  • Tiri: arrampicata prevalentemente "a corda corta" con brevi tratti in sicurezza
  • Ore: 1.15
  • Roccia: ottima

Carattere:
Itinerario divertente e pulito.

Approccio:
Dal Passo Sella, 2244 m, ad est dell’Albergo Maria Flora. Seguire l’evidente sentiero, al primo bivio a destra verso un pianoro con blocchi in corrispondenza della parete sud della I Torre del Sella. Alla prima parete rocciosa il sentiero sale in diagonale (esposto) e poco dopo raggiunge il terrazzo prativo e a destra l’attacco. Ore 0.35

Discesa:
1. Lo stesso itinerario di salita con una doppia facoltativa nel finale. Ore 1 + 0.20 al Passo Sella.
2. Discesa facoltativa. Ore 1 + 0.20 al Passo Sella.
3. Dallo spigolo ovest con 5 doppie. Ore 1 + 0.20 al Passo Sella.

II. Torre del Sella - 2598m

Fessura di destra, parete sud-ovest

  • Difficoltà: III+, un passaggio IV-
  • Dislivello: 100 m
  • Sviluppo: 125 m ca.
  • Tiri: 4
  • Ore: 1
  • Roccia: buona

Carattere:
divertente

Approccio:
Per la brevità viene di solito abbinata a qualche via della I. Torre oppure come unico itinerario, raggiungendo l’attacco per la via normale della I. Torre.

Discesa:
Lo stesso itinerario di salita con una doppia facoltativa nel finale. Ore 1.15 + 0.20 al Passo Sella.

III. Torre del Sella - 2696m

Via "Jahn" (parete sud-ovest)

  • Difficoltà: IV-, un passaggio di IV
  • Dislivello: 250 m
  • Sviluppo: 300 m + 2 doppie (10 m, 20 m) + 100 m ca. Di cengia + 50 m allla vetta
  • Tiri: 7 piú 50 m alla vetta
  • Ore: 3
  • Roccia: ottima

Carattere:
Arrampicata elegante e divertente.

Approccio:
Dal Passo Sella, 2244 m, ad est dell’ Albergo Maria Flora. Seguire l’evidente sentiero, al primo bivio a sinistra, al primo tornante a destra sempre per sentiero in leggera discesa all’attacco dell’ itinerario normale. Sulla cengia a spirale, a 50 m dal canale si trova l’attacco. Ore 1.30

Discesa:
Lo stesso itinerario di salita con una doppia appena sotto la vetta e 5 doppie nel canalone sud-ovest. Ore 2 + 0.20 al Passo Sella.